Detrazioni fiscali per acquisto lampade a LED

Detrazioni fiscali per acquisto lampade a LED

Oggi parliamo di Detrazioni fiscali per l’acquisto di apparecchi di illuminazione.

Moti ci chiedono se le detrazioni fiscali valgono anche per l’acquisto di lampade a LED

Ma la domanda da porsi è un pò diversa: Le detrazioni a cui si fa riferimento quando si parla di lampade a LED non hanno niente a che vedere con il risparmio energetico garantito da questa tecnologia. Il termine esatto da prendere in considerazione è infatti un altro, e cioè “apparecchi per l’illuminazione”. Va infatti differenziato il BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI e le AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO.

Entrambi sono rivolti a privati che abitano in condomini o unità immobiliari indipendenti, entrambi danno diritto a un certo sgravio dei contributi (nel primo caso del 50%, nel secondo caso del 65% o 50% sull’importo speso in base all’intervento svolto).

detrazioni fiscali lampade a led palermo

Detrazioni fiscali per il risparmio energetico

[…] le detrazioni [per il risparmio energetico] sono riconosciute […] per:

  • la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento
  • il miglioramento termico dell’edificio (coibentazioni – pavimenti – finestre, comprensive di infissi )
  • l’installazione di pannelli solari
  • la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale

Su questa detrazione, da ripartire in 10 rate annuali, non aggiungiamo altro perché come si evince dal testo, non riguarda gli apparecchi di illuminazione.


Detrazioni fiscali del 50% per mobili ed elettrodomestici

la detrazione [del 50%] spetta […] per l’acquisto di:

MOBILI NUOVI:

per esempio: letti – armadi – cassettiere librerie – scrivanie – tavoli sedie – comodini – divani poltrone – credenze materassi – apparecchi di illuminazione

ELETTRODOMESTICI NUOVI (di classe energetica non inferiore alla A+ ovvero A per i forni)

per esempio: frigoriferi – congelatori – lavatrici – asciugatrici lavastoviglie – apparecchi di cottura stufe elettriche – forni a microonde piastre riscaldanti elettriche apparecchi elettrici di riscaldamento radiatori elettrici – ventilatori elettrici – apparecchi per il condizionamento.

Si evince, quindi, che gli apparecchi di illuminazione (non necessariamente a LED) sono considerati “mobili nuovi” e pertanto rientrano nel bonus del 50% per un importo massimo di spesa pari a 10.000 euro.

Attenzione però perché non basta acquistare i mobili o gli elettrodomestici, occorre che l’acquisto sia effettuato a seguito di ristrutturazione edilizia iniziata prima dell’acquisto dei mobili.

Chi volesse approfittare del bonus mobili per risparmiare il 50% sull’acquisto delle lampade di design deve ricordare che l’agevolazione fiscale è valida solo se si effettuano lavori di ristrutturazione su singole unità immobiliari residenziali o su parti comuni di edifici, sempre residenziali. Per le parti condominiali sono ammessi:

  • la manutenzione ordinaria e straordinaria;
  •  la ristrutturazione parziale o integrale;
  • il restauro e il risanamento conservativo.

Per l’appartamento sono ammessi:

  • la manutenzione straordinaria (NO MANUTENZIONE ORDINARIA);
  • la ristrutturazione parziale o integrale;
  • il restauro e il risanamento conservativo.

Hai ancora dubbi o domande su come ottenere gli incentivi?

Contattaci, senza impegno, e parla con un nostro consulente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.